ORGANIZZAZIONE

STORIA

Good Shepherd International Foundation ONLUS (GSIF) è un’organizzazione non profit costituita nel 2008 per sostenere i progetti di cooperazione e sviluppo della Congregazione di Nostra Signora della Carità del Buon Pastore (conosciuta come Suore del Buon Pastore in Italia e Good Shepherd sisters nel mondo), Istituto religioso femminile, fondato in Francia nel 1835 da Santa Maria Eufrasia e attualmente diffuso in 70 paesi.

La Congregazione di Nostra Signora della Carità del Buon Pastore conta ad oggi circa 4.000 membri organizzati in oltre 600 comunità nel mondo. Dal 1996 è riconosciuta dalle Nazioni Unite come ONG in statuto consultivo con l’ECOSOC per il suo importante lavoro a favore di ragazze, donne e bambini, in particolare coloro che vivono in povertà e sono vittime di violenze, abusi e discriminazioni.

Good Shepherd International Foundation lavora per implementare un approccio basato sullo sviluppo e sui diritti umani per sostenere i programmi Good Shepherd nei paesi a basso -medio reddito e per rimuovere le cause che generano povertà e ingiustizia, promuovendo uno sviluppo inclusivo e sostenibile per i più emarginati e vulnerabili.

VISION E MISSION

VISION

Vogliamo contribuire a costruire una società inclusiva e più giusta, in cui donne, ragazze e bambini possano godere appieno dei loro diritti. Per creare un mondo più equo e solidale crediamo in un approccio allo sviluppo che metta al centro le persone. Inclusione, compassione, rispetto, partecipazione e trasparenza sono i nostri valori fondanti

MISSION

Attraverso i programmi delle Suore del Buon Pastore contribuiamo a proteggere e promuovere i diritti di donne, ragazze e bambini che vivono in situazioni di povert? e emarginazione, vittime di traffico di esseri umani, migrazione, violenza di genere e altre forme di discriminazione.

TEORIA DEL CAMBIAMENTO E PIANO STRATEGICO 2017-2021

Nel 2017 GSIF ha capitalizzato i risultati delle attività svolte nell'ambito del Piano Strategico 2013-16 e le lezioni apprese per progettare un nuova Teoria del Cambiamentoche informerà sulle azioni della Fondazione e dei suoi partner per il periodo 2017-2021.

IL NIOVO PIANO STRATEGICO 2017-2021

  • un ampio processo di consultazione che coinvolge i rappresentanti di 73 paesi;

 

  • un obiettivo chiaro con risultati specifici per realizzare quel cambiamento che contribuirà a rispondere ai bisogni più urgenti delle persone che partecipano ai programmi del Buon Pastore in Africa, Medio Oriente, Asia e America Latina.

COME OTTERREMO IL CAMBIAMENTO

Sostenendo e portando avanti in tutto il mondo i programmi del Buon Pastore che lavorano a livello locale per fornire servizi e attività che affrontano la povertà, la violenza, la discriminazione di genere e la violazione dei diritti umani in modi pratici e innovativi.

Sviluppando soluzioni eque e durature per le ragazze, le donne e i bambini che partecipano ai programmi Good Shepherd, promuovendo la consapevolezza e le capacità di esprimere e rivendicare i propri diritti.

GOAL

La nostra Teoria del Cambiamento contribuirà a portare un cambiamento duraturo e positivo nella vita delle persone che soffrono di povertà, violenza, discriminazione di genere e altre violazioni della dignità e dei diritti umani.

OBIETTIVI STRATEGICI PER PROMUOVERE IL CAMBIAMENTO

icon01

Eliminare la povertà e costruire un lavoro dignitoso per tutti

icon02

Eliminare tutte le forme di violenza e discriminazione contro ragazze, donne e bambini

icon03

Protect the rights of migrants and refugees, especially women to build inclusive society

Per raggiungere questo obiettivo, GSIF continuerà a sostenere i programmi del Buon Pastore nei paesi in via di sviluppo che si impegnano a raggiungere i seguenti obiettivi strategici:

1. Ridurre la povertà (SDG.1) e la fame (SDG.2) e creare opportunità di lavoro dignitoso per tutti (SDG. 8) garantendo l'accesso all'istruzione, alle risorse economiche e naturali per i membri più vulnerabili della società, in particolare ragazze e donne e promuovere mezzi di sussistenza sostenibili;

2. Eliminare tutte le forme di violenza e discriminazione contro ragazze, donne e bambini, compresi la tratta, lo sfruttamento sessuale (Sdg 5.2) e il lavoro forzato (Sdg.8.2) e sostenere a tutti i livelli la realizzazione dell'uguaglianza di genere (Sdg.5);

3. Proteggere i diritti dei migranti e dei rifugiati, in particolare delle donne migranti (SDG 8.8) per costruire società più inclusive (SDG 10.7).

RISULTATI

Raggiungeremo questi obiettivi strategici implementando la Teoria del Cambiamento.
Focalizzandoci sul raggiungimento dei seguenti obiettivi specifici:

MIGLIORARE LE CAPACITÀ

Migliorare i servizi per donne, ragazze e bambini che partecipano ai programmi

AUMENTARE E DIVERSIFICARE

Aumentare e diversificare le fonti di finanziamento per raggiungere più beneficiari e avere un impatto positivo sulla vita di più persone.

RAFFORZARE LA COOPERAZIONE

Rafforzare la cooperazione per garantire una maggiore collaborazione all'interno e all'esterno della rete Good Shepherd per uno sviluppo sostenibile.

DOWNLOAD

SDGs

Ci impegniamo a sostenere i programmi del Buon Pastore che contribuiscono alle loro strategie nazionali per il raggiungimento degli SDG. Nell'ambito del piano strategico 2017-21, concentreremo i nostri sforzi sulle seguenti aree prioritarie per lo sviluppo sostenibile:

SDG 1 Porre fine alla povertà in tutte le sue forme

SDG 2 Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare e migliorare le forme di nutrizione

SDG 5 Raggiungere l'uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze

SDG 8

8.7 Adottare misure immediate ed efficaci per sradicare il lavoro forzato, porre fine alla schiavitù moderna e traffico di esseri umani e raggiungere la proibizione e l'eliminazione delle peggiori forme di lavoro minorile

8.8 Proteggere i diritti del lavoro e promuovere un ambiente sicuro e protetto di lavoro per tutti i lavoratori, compresi i lavoratori migranti, in particolare donne migranti, e quelli in lavoro precario

SDG 10

10.1 Promuovere l'inclusione sociale, economica e politica di tutti, a prescindere dall'età, dal sesso, disabilità, razza, etnia, origine, religione o status economico

10.2 Assicurare pari opportunità e ridurre le disuguaglianze

10.3 Adottare politiche, in particolare fiscale, salariale e politiche di protezione sociale, per raggiungere progressivamente una maggiore uguaglianza

10.7 Facilitare la migrazione ordinata, sicura, regolare e responsabile e la mobilità delle persone

Il nostro piano strategico delinea come contribuiremo a raggiungere questi SDG nei prossimi cinque anni implementando la nostra Teoria del Cambiamento.

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.